Attività rivolta ad adolescenti e giovani adulti, anche con lieve disabilità, a cura dei volontari del Gruppo Alice con il sostegno di esperti di varie discipline. Dopo anni di laboratorio teatrale, il gruppo si dedica a una nuova, appassionante sfida: il progetto «Azioni evolutive», che comprende teatro, movimento espressivo, arte circense e creazione di video.

Progetto azioni evolutive

Da settembre 2021 riprenderanno gli incontri di “Giovaninsieme” di sabato, a cadenza quindicinale, a partire da sabato 25 settembre 2021.

I giovani sono un concentrato di energia, vitalità ed entusiasmo. Anche chi soffre di una disabilità o un disturbo cognitivo racchiude in sé grandi risorse che meritano di essere valorizzate. Per questo il Gruppo Alice ha pensato di offrire uno spazio ricreativo per ragazzi e giovani adulti, con l’obiettivo di dar vita a un gruppo paritario, dove le differenze diventano una ricchezza. Solo così, infatti, si possono sperimentare amicizia e inclusione autentiche ed è questo che distingue un “insieme di persone” da un “gruppo” vero e proprio.

Giovaninsieme è un gruppo formato da ragazzi e ragazze con lievi disabilità (in particolare sindrome di Down e forme lievi di autismo) e da volontari del Gruppo Alice, che si ritrovano due sabati al mese per divertirsi, raccontarsi e svolgere attività di laboratorio con il sostegno di esperti di numerose discipline. Protagonista delle ultime edizioni è stato il laboratorio di teatro condotto da Dario Tomasoni.

Con Dario abbiamo vissuto un percorso importante e coinvolgente, che ha permesso di creare un gruppo entusiasta e coeso: tutto è iniziato con un laboratorio di improvvisazione teatrale, poi abbiamo aggiunto la scrittura creativa e prendendo ispirazione dal celeberrimo «Pinocchio» abbiamo ideato una storia dal titolo «Un burattino senza fili», che è stata portata in scena il 16 novembre 2018 al Circolone di Legnano.

Nel 2019 abbiamo deciso di fare un passo in più: creare una storia tutta nostra e allestire un nuovo spettacolo che unisse diverse discipline, ovvero teatro, movimento espressivo e arte circense. Così abbiamo “arruolato” altri due ottimi conduttori (Sandra Cau per il movimento espressivo e Vincenzo Tumminello con il Minimal Circus per l’arte circense). Il Covid-19, però, ha sconvolto i nostri piani e siamo stati costretti a sospendere gli incontri in presenza: accantonata l’idea dello spettacolo, abbiamo proseguito i nostri incontri su zoom.

Disagi a parte, le esperienze vissute nell’ultima edizione hanno un valore immenso e confluiscono in un progetto innovativo e multidisciplinare, intitolato «Azioni evolutive». Il nuovo percorso, che durerà fino a giugno 2022, comprende teatro, movimento espressivo, arte circense e creazione di video – quest’ultima attività con il supporto di Michele Ciardulli, regista di professione.

I nostri incontri si svolgono come sempre a cadenza quindicinale e i conduttori sono presenti una volta al mese. I restanti incontri sono organizzati in autonomia dai partecipanti, che a turno conducono una parte del pomeriggio e propongono le attività che preferiscono oppure colgono l’occasione per confrontarsi sul laboratorio e preparare gli incontri successivi.

Giovaninsieme è tutto questo e molto altro: pizzate e piadinate in compagnia, uscite al cinema o al museo. Una volta abbiamo persino trascorso un week-end insieme a Brusson (AO), ospiti di Dario. Al momento, ovviamente, tutto questo non è possibile, ma ci auguriamo di poterci rivedere presto dal vivo in totale sicurezza! Per maggiori dettagli e informazioni potete contattarci tramite il form sottostante.

N.B. Siamo sempre alla ricerca di nuovi volontari: se vi piace l’idea di dedicare parte del vostro tempo a un’attività divertente e stimolante, di ampliare i vostri orizzonti e stringere nuove amicizie, non esitate a farvi avanti. Saremo lieti di conoscervi personalmente!

Il “diario” di Giovaninsieme

Il nostro gruppo è sempre aperto agli scambi con altre realtà: ecco alcune esperienze da ricordare.

A marzo e aprile 2019 il nostro gruppo dedicato ai giovani ha vissuto due belle esperienze: la replica dello spettacolo “Un burattino senza fili” all’IPSIA di Saronno e un sabato pomeriggio con gli scout. Le studentesse dell’IPSIA “Antonio Parma” e i loro insegnanti hanno assistito emozionati alla nostra recita ispirata al celebre Pinocchio, cui ha fatto seguito un breve laboratorio il 5 aprile. Eravamo curiosi e al tempo stesso un po’ timorosi di proporre il nostro spettacolo a un pubblico diverso dai nostri amici e familiari e dagli altri volontari del Gruppo Alice: lo avrebbero apprezzato? O forse lo avrebbero trovato banale? Le perplessità iniziali, però, sono subito svanite nel vedere il pubblico divertirsi con le nostre gag e mostrare grande interesse per il nostro gruppo e la sua storia. Al termine dell’esibizione abbiamo chiacchierato a lungo con le ragazze, seduti in cerchio, e creato le premesse migliori per il successivo laboratorio. In questa occasione abbiamo svolto diverse attività, inedite per le studentesse, che ci hanno permesso di ascoltarci e di lavorare sulle sensazioni ed emozioni che provavamo viaggiando con la fantasia e sperimentando il teatro dell’improvvisazione. Ad esempio, abbiamo immaginato di trovarci in un posto per noi bellissimo e rappresentato con il corpo e la gestualità le emozioni che ci suscitava. Poi, divisi in gruppi, ci siamo ingegnati a costruire un’unica scena con i nostri “luoghi del cuore”. In questo luogo tutto nostro abbiamo poi ambientato una fiaba, frutto della nostra fantasia. Cosa ci portiamo a casa da questa avventura all’IPSIA? Tanti ricordi divertenti, il piacere di aver conosciuto persone in gamba e una fiducia ancor più grande nel nostro progetto!

Ma non è finita qui. Il 23 marzo abbiamo trascorso un bel sabato pomeriggio in compagnia degli scout di Saronno: sono stati con noi i bambini dell’ultimo anno, accompagnati dai loro capi. Sotto la guida di Dario e Sandra, abbiamo fatto qualche gioco di riscaldamento per conoscerci un po’ e memorizzare i nostri nomi (compito non sempre facile!), dopodiché ci siamo dedicati a un lavoro interessante sul tema dell’identità. Seduti nel prato, circondati dal verde, ci siamo armati di tempere e pennelli e ognuno di noi ha dipinto una maschera bianca, dando vita a un volto che rispecchiasse la sua personalità. Mentre le nostre opere asciugavano al sole abbiamo fatto merenda e chiacchierato allegramente. Poi abbiamo allestito una mostra con le maschere e infine, suddivisi in piccoli gruppi, abbiamo creato delle piccole storie da mettere in scena, facendo interagire i nostri personaggi. Il pomeriggio è volato tra tante attività coinvolgenti, che ci hanno arricchito reciprocamente. Giovaninsieme e il Gruppo Alice ringraziano l’IPSIA e gli scout di Saronno per questi bei momenti di condivisione!

    Scrivici per saperne di più sul Gruppo Giovaninsieme

    Nome *

    Indirizzo email *

    Tel./cell.

    Oggetto

    Il tuo messaggio *

    Inserisci i numeri e le lettere che vedi a sinistra
    captcha

    * La compilazione di questo campo è obbligatoria